Il cinese

index

Titolo: Il cinese

Autore: Andrea Ciotti

Editore: Rizzoli

Nella odierna Roma multietnica incontrare persone con caratteri somatici di paesi lontani, che parlano italiano come madrelingua o addirittura un perfetto “romanaccio” non è una rarità, anzi, diventa sempre più comune. Ma se si tratta di un poliziotto la sorpresa è ancora tanta. Luca Wu è un vicequestore, italiano di origini cinesi, che viene assegnato al commissariato di Torpignattara, proveniente da Bologna dove si è conquistato una fama di grande investigatore grazie ai brillanti risultati ottenuti sul campo. Il quartiere di Torpignattara è un mix di etnie provenienti da tutto il mondo dove attività economiche e commerciali lecite e alcune inevitabilmente illecite, convivono in modo apparentemente pacifico ma in una situazione che potrebbe degenerare da un momento all’altro. Le autorità hanno sempre maggiori difficoltà a controllare le comunità straniere che diventano sempre più numerose e potenti. Proprio a “Torpigna”, come viene comunemente definito il quartiere nello slang giovanile romano, avviene un efferato delitto durante una rapina. Due malviventi uccidono un commerciante cinese e la sua bambina di 4 anni. Inizia così un giallo dal ritmo serratissimo ambientato nei quartieri di Roma sud che impegnerà le autorità locali a scoprire i colpevoli del duplice omicidio e nello stesso tempo a tenere calme le comunità straniere romane che si sentono discriminate e messe in pericolo.  Le indagini analizzeranno a fondo le attività imprenditoriali dei cinesi a Roma portando alla luce illeciti di vario tipo che procurano guadagni milionari con una organizzazione gerarchica governata da severe leggi che antepongono il guadagno a qualsiasi considerazione etica o umanitaria.

Il libro racconta con precisione la situazione sociale dei quartieri in cui è ambientata la trama, con il racconto storico di come il passare del tempo è coinciso inesorabilmente con la crescita del degrado e l’evoluzione delle attività illecite. Andrea Cotti è stato molto bravo sia nella costruzione della trama che nel raccontare cose e fatti con grande rispetto per tutti, senza pregiudizi o banali luoghi comuni, fornendo un quadro della situazione veritiero. La struttura organizzativa della comunità cinese a Roma ed in Italia viene descritta in modo dettagliato e credibile, sempre nei limiti della finzione del romanzo giallo. Il personaggio del vicequestore è quello di un uomo tormentato che si è separato dalla moglie italiana e dal figlio, rimasti a Bologna, accettando la proposta di trasferimento a Roma. Luca Wu è un uomo infedele di natura ma nello stesso tempo innamorato della moglie, è un ottimo praticante di arti marziali orientali che per il suo lavoro di poliziotto risulteranno estremamente utili. Un personaggio inedito ed empatico che potrebbe avere un ottimo successo in una eventuale serie TV.

Un libro che alterna scene di azione, indagini, fatti violenti con situazioni personali delicate che mostrano l’umanità e la fragilità di alcuni personaggi. C’è molta cura nel descrivere le procedure investigative, le fasi di lotta con le arti marziali, il funzionamento delle attività illecite. Il libro è stato scritto con grande attenzione per tutti i dettagli e il risultato finale beneficia degli sforzi fatti. La lettura del libro concede qualche ora di piacevole evasione con una storia incalzante, ben ritmata e coinvolgente. Le descrizioni di Roma, i percorsi in auto, le condizioni dei vari quartieri descritti sono molto azzeccate, scritte da un autore che conosce bene la città.