A un passo dalla follia

A UN PASSO DALLA FOLLIA

Titolo: A un passo dalla follia.

Autore: Gianluca Arrighi

Editore: CentoAutori

A un passo dalla follia è il seguito di “Il confine dell’ombra”, con gli stessi protagonisti impegnati a sconfiggere un serial killer che uccide le sue vittime con un ordine che segue i Dieci Comandamenti della Religione Cattolica. Elia Preziosi, l’ex magistrato coinvolto dall’Orco nelle indagini a lui riservate, si è trasferito in Africa alla ricerca di un nuovo equilibrio dopo i fatti conseguenti alle indagini sull’Orco. Ancora una volta Elia dovrà rivedere le sue decisioni e tornare a Roma per dare il suo contributo alle indagini, anche se si troverà ad agire contro i suoi colleghi poliziotti per una strana serie di eventi.

Anche in questo libro la trama racconta il male nella versione più cruenta e sconvolgente. Un thriller con un ritmo travolgente, tra le azioni folli del serial killer, poliziotti e servizi segreti impegnati a combattere il male non sempre in modo coeso. In questo romanzo la storia è resa ancora più intrigante grazie ai riferimenti ai Dieci Comandamenti, che conferiscono un alone di mistero ancora più profondo rispetto al precedente libro. Lo stile di scrittura è sempre lo stesso, le indagini sono ad alta tensione, il finale imprevedibile. Elia Preziosi riesce a mantenere la necessaria lucidità per combattere il nuovo serial killer ed anche per evitare che lo scontro con i suoi ex colleghi sconfini nella tragedia. Una trama inedita ed accattivante. Una specie di montagne russe di crimini e di indagini con un percorso infinito, con il lettore che una volta salito sul carro non può più scendere se non all’arrivo, ossia alla fine del libro. Ancora più intenso e pieno di cambi di scena rispetto a “Il confine dell’ombra”, conferma tutti i punti forti della scrittura di Gianluca Arrighi.

Il confine dell’ombra

IL CONFINE DELL'OMBRA

Titolo: Il confine dell’ombra

Autore: Gianluca Arrighi

Editore: CentoAutori

C’è un serial killer che colpisce le sue vittime indossando una maschera dall’aspetto orribile e che uccide con una violenza inaudita, utilizzando sempre modalità diverse. L’assassino è soprannominato “l’orco” per via della orribile maschera che indossa. L’Unità di Analisi del Crimine Violento della Polizia di Stato, con a capo Pietro Tolfa, convoca i migliori investigatori italiani per indagare sui crimini dell’Orco. Le indagini non riescono a prendere nessuna direzione. L’Orco non ha mai lasciato sulla scena del crimine il minimo indizio. Inoltre si è sempre divertito a sbeffeggiare le forze dell’ordine, lasciando messaggi provocatori per i poliziotti. Nell’ultimo messaggio, l’Orco intima alla polizia di inserire nella squadra che indaga contro di lui Elia Preziosi, un ex magistrato, ritirato in Sardegna, stanco e stressato dalla sua vita dedicata a combattere serial killer. Preziosi accetterà la sfida ma pagherà un prezzo elevatissimo.

Un gruppo di poliziotti coraggiosi e generosi, un nemico da combattere che sembra imbattibile, una trama ben costruita e avvincente, un continuo di colpi di scena e di eventi che attraggono l’attenzione del lettore che solo al termine della storia riesce a staccarsi dal libro. Un viaggio nella mente di un criminale odioso e violento, per capire il suo modo di ragionare per prevederne le mosse e per capire da dove nasce tutta la violenza che esprime. Ma anche una analisi delle motivazioni dei poliziotti che solo grazie ad una abnegazione che sconfina con l’ossessione riescono a combattere il crimine. Un thriller in cui azione ed analisi psicologica si mescolano alla perfezione, uno stile di scrittura immediato e senza orpelli per una lettura adrenalinica di grande soddisfazione per gli amanti del genere.

Oltre ogni verità

OLTRE OGNI VERITA'

Titolo: Oltre ogni verità

Autore: Gianluca Arrighi

Editore: CentoAutori

I genitori di Roberto Minniti denunciano la scomparsa del figlio alla stazione dei Carabinieri di Rocca Alta, un piccolo centro ai piedi del Monte Terminillo. Il giovane è uno studioso dell’Islam e collabora con una associazione culturale che ha lo scopo di modernizzare l’antica religione. Iniziano le ricerche e dopo poco tempo viene ritrovato il cadavere di Roberto, in un bosco poco distante dal paese. L’autopsia rivela che la morte è avvenuta per strangolamento. L’omicidio viene subito associato alla attività del giovane legate al mondo islamico, di conseguenza le indagini diventano da subito delicate per i possibili risvolti politici. Ad aiutare il comando locale dei Carabinieri, viene inviato il capitano Jader Leoni, uno dei migliori investigatori, appartenente al G.I.S. il gruppo di Intervento Speciale dell’Arma. Leoni si trasferisce a Rocca Alta per il periodo delle indagini e dovrà portare avanti il suo lavoro di carabiniere oltre a gestire una piccola crisi familiare legata alle condizioni di salute di sua figlia. Le indagini sull’omicidio sconvolgeranno il paese di Rocca Alta, con conseguenze imprevedibili ed inaspettate. Lo stesso capitano Leone, uomo addestrato e preparato, perderà il controllo di sé in diverse occasioni, quando i suoi affetti più importanti saranno messi a rischio.

Una trama ben costruita ed uno stile chiaro e lineare, personaggi ben definiti, colpi di scena dosati con giusta cadenza, rendono la lettura piacevole e intrigante. Una storia attuale e vicina a molti temi di grande impatto tra cui i danni irreparabili che le relazioni sentimentali “complesse” possano comportare, in una società tradizionalista come la nostra. Gianluca Arrighi, di professione avvocato penalista oltre che scrittore, si conferma molto sensibile ai cambiamenti della nostra società, riuscendo a parlarne nei suoi libri con misura ed equilibrio.

Intrigo in Costa Verde

INTRIGO IN COSTA VERDE

Titolo: Intrigo in Costa Verde

Autore: Gianluca Arrighi

Editore: CentoAutori

Tribunale di Milano. L’avvocato Castriota viene colpito da un proiettile proprio fuori il tribunale mentre stava per salire in auto per tornare a casa. Viene ricoverato in ospedale in condizioni gravissime. Castriota aveva ricevuto l’incarico di indagare sull’omicidio di Lorenzo Solinas, un uomo politico sardo, candidato come sindaco della cittadina di Coraddu, sul lato occidentale della Sardegna, verso sud. Il suo collega di studio e amico Alex Manfredda parte subito per l’isola per cercare di scoprire qualcosa di più sull’ultimo incarico di Castriota e trovare il colpevole del tentato omicidio. Appena arrivato in Sardegna, lo stesso Alex sarà oggetto di attenzioni molto ravvicinate e dovrà usare tutto il suo ingegno e la sua esperienza per trovare la verità in una intricata matassa di affari, politica, interessi personali e relazioni sentimentali. Un romanzo ad alta tensione dove gli eventi si susseguono con un ritmo veloce senza un attimo di respiro.

Gianluca Arrighi è uno scrittore appartenente alla categoria che preferisco, ossia persone che svolgono professioni diverse e che sono anche scrittori. Gianluca è un avvocato penalista oltre che scrittore al suo settimo libro, le sue qualità di giallista ormai sono ampiamente dimostrate. Alex Manfredda si ritrova a fare l’investigatore in una zona per lui sconosciuta ed ostile, dove i provenienti dal “continente” sono considerati sgraditi e tollerati solo se arrivano come turisti. La zona si trova a dover contrastare le pressioni di chi vorrebbe cedere alle richieste dell’industria estrattiva oppure appoggiare le richieste legate all’industria del turismo. I risultati delle elezioni locali saranno molto importanti per il futuro del paese e l’omicidio del candidato sindaco Solinas sembra proprio essere stato deciso da una delle fazioni in lotta. Non possono essere trascurati alcuni fatti legati alla sua vita privata che però sembrano avere una importanza marginale. Il libro tratta temi importanti come lo sviluppo economico e la salvaguardia dell’ambiente, i legami tra affari e politica, il difficile equilibrio tra società civile e malaffare, i rapporti coniugali e le conseguenze di alcune relazioni sentimentali. Un libro giallo che consente qualche ora di evasione e divertimento ma che porta il lettore a riflettere su temi importanti. Alex Manfredda è un paladino della verità che mette a repentaglio anche la sua incolumità per arrivare a scoprire i colpevoli. L’ambientazione della storia è uno dei punti di forza, grazie alla natura ed alle tradizioni sarde, i cui particolari e dettagli sono stati abilmente sparsi nel racconto.