Lontano da casa

LONTANO DA CASA

Titolo: Lontano da casa

Autore: Enrico Pandiani

Editore: Salani

Jasmina Nazeri è una italiana, di origine iraniana. La sua vita è dedicata agli altri, insegna italiano agli immigrati, aiuta quelli che non hanno nulla. Una sera torna a casa e trova dei poliziotti che la stanno aspettando. La invitano a seguirli per un riconoscimento, lei è amica di molti nel quartiere per via del suo lavoro. In un prato vede un corpo, è un uomo di colore, è girato di spalle. Un poliziotto gira la testa del cadavere, lo vede in faccia e riconosce Taiwo, un suo studente con cui ha avuto una breve relazione. Come è possibile che sia stato ucciso? Ci saranno altre morti tra gli irregolari, sembra che qualcuno si diverta ad ucciderli senza motivo. Jasmina si trova coinvolta nelle indagini sull’assassinio di Taiwo, conosce una poliziotta, Pandora, una donna contro tutto il mondo, dal razzismo esagerato e con un carattere insopportabile. Jasmina e Pandora, due persone dal carattere opposto che più non si può, tra di loro nascerà una inaspettata collaborazione.

Una storia ambientata nella periferia di Torino, un tempo abitata dai ceti medi, ora terra di confine, tra la normalità e l’assoluta povertà, tra la legge e l’assoluta illegalità. Un libro popolato da personaggi emarginati, vite fragili, piene di imprevisti, in balia di un destino spesso avverso e implacabile. Il libro e la sua trama, tra il poliziesco e il noir, ci racconta l’evoluzione delle nostre città, il decadimento della vita sociale, le difficoltà delle persone con poche risorse, le segregazioni a cui sono costrette tante persone che potrebbero essere invece delle grandi risorse. Un libro con una trama ben costruita e dei personaggi raccontati soprattutto attraverso i dialoghi, ciascuno con personalità originali e descritte in modo approfondito. Una storia attuale e coinvolgente, di grande interesse.

Ragione da vendere

index

Titolo: Ragione da vendere

Autore: Enrico Pandiani

Editore: Rizzoli

Fine agosto, a Parigi fa caldo. Una tranquilla serata estiva a casa di Servandoni, uno dei flic comandati da Pierre Mordenti, denominati “Les Italiens”. Tutto sembra tranquillo quando per strada si sentono colpi di pistola e raffiche di mitra. Un furgone è stato assaltato, un uomo è rimasto ucciso. Servandono e Mordenti si precipitano in strada ma ormai è troppo tardi. Le indagini sull’accaduto sono condotte proprio dalla squadra “Les Italiens” che si ritrovano impegnati nel tentativo di ritrovare una preziosa opera d’arte insieme ad una compagnia ben assortita di criminali e non, tra cui un ambiguo poliziotto inglese, un ricettatore vietnamita, una donna inglese moglie della vittima della sparatoria sotto casa di Servandoni, una giovane avvocato italiana rapita la sera dell’omicidio dell’inglese e tanti altri personaggi tutti interessati alla misteriosa opera d’arte dal valore inestimabile. Per averla molti sono disposti a commettere qualsiasi tipo di crimine, dal plurimo omicidio alla corruzione di poliziotti. L’avventura si svolge a Parigi e nelle zone periferiche a nord. Les Italiens sono una squadra della Polizia Criminale di Parigi. Sono chiamati così per la loro origine italiana. Sono un gruppo affiatato, sono come una famiglia, persone che sono arrivate dove sono percorrendo strade tortuose, a volte sporche, comunque difficili. Hanno sofferto e stretto i denti, ma sono riusciti a lasciarsi alle spalle passati difficili. Sono i migliori, rispettati dai colleghi e dai superiori per le loro capacità di risolvere i casi più difficili.

“Les Italiens” sono la fortunata invenzione di Enrico Pandiani, protagonisti di sette romanzi che sono forse la parte migliore della sua produzione, almeno per i miei gusti. Sono italiani inseriti nella vita e nelle usanze parigine che mantengono tutte le tradizioni italiane.

“Ragione da vendere” è un “noir” dalla trama ben costruita con un crescendo di eventi che coinvolgono il lettore e lo invogliano alla lettura fino alla fine. I protagonisti sono di diverse etnie e riescono a dare al racconto una certa originalità e varietà, senza cadere in facili luoghi comuni.

Enrico Pandiani è uno dei migliori scrittori italiani di Noir. Il suo stile è unico, scrive in modo diretto, schietto, senza troppi giri di parole. I suoi personaggi sono autentici, duri e teneri, spietati e umani. Pierre Mordenti è un poliziotto integerrimo ma pronto a disobbedire alle regole per ottenere il risultato finale, fidandosi del suo intuito nel conoscere le persone. Mordenti è esigente con i colleghi, spietato con i criminali, tenero e protettivo nei confronti della sua compagna e del figlio di lei. Riesce sempre a sdrammatizzare le situazioni più difficili con batture ciniche ed irriverenti. Tutta la squadra de “Les Italiens” è composta da personaggi originali, empatici che spesso mettono a repentaglio la propria vita coinvolgendo anche le loro compagne di vita nelle operazioni sul campo ad aumentare la coesione del gruppo. Mordenti è un grande polizotto che si preoccupa anche di proteggere i suoi colleghi che sbagliano. Un libro coinvolgente e divertente, pieno di riferimenti culturali. Un buon modo per trascorrere qualche ora in pieno relax.