Clean

CLEAN

Titolo: Clean

Autore: Glenn Cooper

Editore: Nord

Traduzione: Barbara Ronca

Trovare la cura per l’Alzheimer, questa era l’ossessione del dottor Steadman. Per ottenere questo risultato ha deciso di correre dei rischi ed iniziare una sperimentazione senza tener conto di tutte le prudenze necessarie. Ed è successo quello che non doveva accadere. In pochi giorni si diffonde nel mondo un virus letale che si propaga per le vie respiratorie, quella che si chiama Sindrome da Amnesia Febbrile e che fa perdere la memoria alle persone infette, che si ritrovano senza ricordi e si comportano solo secondo il loro istinto. Il mondo rimane senza corrente elettrica, acqua corrente, cibo, medicine, nessun servizio pubblico, niente polizia e tutori della legge. Le poche persone immuni al virus vivono barricate nelle case per sopravvivere e sperare che tutto torni alla normalità. In poco tempo la legge del più forte diventa l’unico codice applicabile. La civiltà rischia di scomparire per un errore umano. Ma c’è qualcuno tra gli immuni che sta cercando una soluzione alla pandemia, è il dottor Jamie Abbott, l’unico in grado di trovare la cura. La sua sarà una corsa contro il tempo e contro tutte le insidie che la nuova condizione in cui si trova il mondo comporta.

Il romanzo ci racconta un mondo devastato da una pandemia, che sta distruggendo la nostra civiltà che si trova costretta a tornare ad un livello primordiale, dove conta solo la prepotenza e la capacità di sopravvivenza. Glenn Cooper si conferma un grande narratore, sempre a metà tra il verosimile ed il fantastico, il quotidiano e l’extra naturale, mantenendo sempre uno stile fluido, ammaliante, conoscendo bene come attrarre il lettore e suscitare il massimo interesse, coinvolgendolo in una serie di storie parallele con diverso grado di tensione, per una specie di percorso sulle montagne russe. Il libro ci mostra quali sono i rischi a cui potremmo essere esposti se la sperimentazione medica non seguisse completamente i protocolli di sicurezza, di come la violenza sia insita nella natura umana e di cosa resterebbe della nostra civiltà se non avessimo la memoria. Un libro apocalittico, estremo, che raffigura un possibile scenario che determinerebbe la fine della nostra civiltà ed una nuova ripartenza, ossia la Tabula Rasa menzionata nel sottotitolo.