Il metodo del dottor Fonseca

IL METODO DEL DOTTOR FONSECA

Titolo: Il metodo del dottor Fonseca

Autore: Andrea Vitali

Editore: Einaudi

Un ispettore di polizia viene inviato in un villaggio di montagna, di nome Spatz, al confine dello stato, per una indagine di un caso di omicidio di una donna, considerato risolto, con colpevole il fratello della vittima, una persona con disturbi mentali che viveva con lei. L’uomo è scomparso dopo il ritrovamento della vittima. Il paesino è un piccolo borgo sperduto tra le montagne, un luogo dove non accade mai nulla e gli abitanti sono persone strane e bizzarre. L’ispettore è alloggiato in una piccola pensione, dove trova come ospite un personaggio singolare, taciturno, di poca compagnia, che lo informa della presenza, appena fuori del paese, di una clinica in cui vengono trattati malati molto gravi, destinati ad operazioni chirurgiche estreme, dall’esito più che incerto. L’ispettore non si fermerà alle prime conclusioni a cui erano arrivate le indagini e prenderà strade diverse per scoprire la verità che nasconde cose e fatti inimmaginabili.

Andrea Vitali ha sempre raccontato la provincia italiana e la vita dei suoi abitanti, scrivendo gialli tradizionali, con la sua scrittura elegante. Questo romanzo si allontana dalle ambientazioni geografiche che sono familiari all’autore ed affronta una storia per lui poco tradizionale. Il paesino è descritto come un posto buio e inospitale, le montagne che lo circondano sono cupe e spaventose, gli abitanti del luogo appaiono evasivi e ambigui. La clinica incombe sulla vita del villaggio, con la sua presenza oscura e misteriosa, con le mille voci e sospetti sulle attività che si svolgono al suo interno. Una storia quasi “noir”, un racconto dall’incedere costante, con un avvicinamento alla verità regolare, tanti piccoli misteri fin dalle prime pagine, un finale inaspettato. Un libro che tratta argomenti molto forti, che mostrano a quali estremi può arrivare il cinismo degli uomini, quando abbandonano la strada della ragione e dell’etica e perseguono solo la via del guadagno.

Documenti, prego

index

Titolo: Documenti, prego

Autore: Andrea Vitali

Editore: Einaudi

Un’auto viaggia tranquillamente in autostrada, è una serata tranquilla nel nord Italia. A bordo tre funzionari di una azienda commerciale in viaggio di lavoro. I tre colleghi hanno lavorato tutto il giorno, sono stanchi. Decidono di fermarsi al primo autogrill che incontrano. Il parcheggio è quasi tutto libero, disattenti si parcheggiano al primo posto che capita, quello riservato ai portatori di handicap. All’interno dell’autogrill ci sono pochi avventori, le ragazze al bancone sono stanche ed assonnate. Arriva una auto scura, scende un personaggio piccolo di statura, entra nell’autogrill, chiede di chi è la macchina con il portatore di handicap, si presenta come un funzionario di un qualche ufficio giudiziario. I tre si presentano, forniscono le generalità, sembra un controllo di routine. Uno di loro ha il documento scaduto. La cosa sembra si possa risolvere con un rimbrotto, ma non è così. La persona con il documento scaduto viene invitata gentilmente ma fermamente a seguire il funzionario nella sua auto.

Inizia una avventura inquietante, a tratti drammatica, a tratti assurda. La storia racconta di eventi che potrebbero essere veri o prodotti dalla immaginazione del protagonista. Il racconto ha la tensione e la dinamica di un thriller, che coinvolge il lettore in un susseguirsi di eventi tra il reale ed il fantastico, tra razionalità e follia. Il finale è difficile da decifrare, tra l’inverosimile e l’incomprensibile.