La sconosciuta della Senna

Titolo: La sconosciuta della Senna

Autore: Guillaume Musso

Editore: La nave di Teseo

Traduzione: Sergio Arecco

Chi sbaglia paga e Roxane Montchrestien, capitano di polizia, paga i suoi errori con il trasferimento ad una sezione speciale di cui è l’unica componente, con l’incarico di indagare sui casi insoliti, ossia quelli che sconfinano nel paranormale. Roxane prende il posto di Marc Batailley, un poliziotto che si trova in ospedale in pericolo di vita. Roxane non fa in tempo ad arrivare nella sua nuova sezione che subito si presenta un caso inquietante. Una ragazza è stata salvata dall’annegamento nella Senna, le cui acque gelide stavano per sopraffarla. Portata al pronto soccorso, la donna è riuscita a scappare, senza lasciare tracce. L’esame del DNA rivela la sua identità, è una famosa musicista, Milena Bergman, che però risulta morta in un incidente aereo di oltre un anno prima.

Durante le indagini, Roxane incontra Raphael Batailley, figlio del poliziotto ricoverato in ospedale, di professione scrittore oltre che fidanzato di Milena. I due si troveranno coinvolti nella ricerca della soluzione al mistero della donna morta che sembra essere tornata in vita.

Il romanzo ha un avvio molto forte e sorprendente, con la donna che scompare con il suo mistero della presunta morte. La trama è costruita su una struttura complessa in cui tanti elementi si incastrano tra loro, costruendo da un apparente caos di indizi e di eventi, una struttura perfetta. Molti personaggi, tutti complessi, con storie personali dolorose, sensi di colpa, menzogne raccontate a fin di bene. Ma anche misteriose sette che si rifanno ad antichi culti, apparentemente dimenticati, capaci ancora di produrre adepti esaltati e pericolosi.

Le trame di Musso sono sempre accattivanti, intriganti, con personaggi empatici ed affascinanti, a volte complessi e travagliati, a volte giovani ed inesperti, ma pieni di energie. Ambientato in una Parigi fredda e piovosa, come spesso accade in inverno, ma piena di fascino e di mistero.

2 pensieri su “La sconosciuta della Senna