Il codice della vendetta

IL CODICE DELLA VENDETTA

Titolo: Il codice della vendetta

Autore: Pasquale Ruju

Editore: edizioni e/o

Protagonista del romanzo è Franco Zanna, un fotografo di attualità, un paparazzo, che vive e lavora in Sardegna. La sua è una vita disordinata, pochi guadagni molto irregolari, sposato ma separato con alle spalle una vicenda dura e dolorosa. Sta cercando di riprendersi la sua vita, la relazione con sua moglie Carla e l’affetto di sua figlia Valentina. Mentre si trova all’aeroporto dove ha accompagnato la moglie Carla che ha trascorso una breve vacanza in Sardegna, Franco intravede Alfio Di Girolamo, un noto killer appartenente al clan di malavitosi che lo aveva costretto ad abbandonare la sua famiglia per garantirne l’incolumità. Ritornano nella sua mente incubi che sperava di aver dimenticato per sempre. Dopo qualche giorno, avviene un misterioso furto nella suite di  un noto cantante internazionale, ospite in un esclusivo hotel della Costa Smeralda. Il furto è solo il preludio di una serie di efferati omicidi, collegati tra loro da un misterioso filo, che Franco Zanna, suo malgrado, si troverà a dover districare. Per Zanna ha inizio un periodo terribile, in cui dovrà fare i conti con il suo passato ma anche con un presente pericoloso ed un futuro quanto mai incerto.

Un protagonista empatico, irregolare e scombinato, un antieroe che non ha paura di affrontare il suo destino, un uomo coraggioso che cerca la rivincita contro coloro che gli hanno rovinato la vita. Una storia piena di azione, inseguimenti in auto, intrusioni in appartamenti sconosciuti, imprevisti e colpi di scena. La Sardegna si mostra in tutto il suo splendore, sia per la natura che per gli hotel, per le persone che frequentano e abitano l’isola. La trama è ben costruita e raccontata, con tanti personaggi secondari, affascinanti e ben definiti. Il collegamento con la realtà più antica e rurale della Sardegna è assicurato dal legame di Franco con suo zio Gonario, uno degli ultimi banditi, vecchio, saggio e terribile con i nemici ma affettuoso con Franco e sua figlia Valentina. Ed è proprio lo zio Gonario, nel ricordare a Franco il cardine del codice barbaricino, ossia che la vendetta barbaricina non deve essere lenta, come siamo abituati a sentire, deve piuttosto essere “proporzionata, prudente e progressiva”, a guidare Franco nella ricerca della sua vendetta, come annunciato dal titolo. Un capitolo brillante e piacevole della eterna lotta del bene contro il male.