L’assassino ci vede benissimo

L'ASSASSINO CI VEDE BENISSIMO

Titolo: L’assassino ci vede benissimo

Autore: Christian Frascella

Editore: Einaudi

Il protagonista è un investigatore privato, chiamato Contrera, ex poliziotto, sempre in bolletta, senza un ufficio, riceve i suoi clienti in una lavanderia a gettoni. Nato e residente a Barriera, un quartiere di Torino abitato per lo più da immigrati, dove regnano povertà degrado e violenza. Ha dovuto lasciare la polizia per una storia poco edificante di droga sequestrata e sparita. Ha lasciato la moglie e la figlia, che lo odiano, vive a casa della sorella con il cognato che non vede l’ora di sbatterlo fuori. Una vita tremenda, un disastro dopo l’altro, un continuo tirare avanti sull’orlo del precipizio, una incapacità cronica di risolvere i problemi. Nonostante tutto continua ad affrontare il suo destino con la sua irresistibile sfrontata irriverenza, di chi non ha nulla da perdere. A modo suo è un buon investigatore, cialtrone sì ma affidabile e rispettoso dei suoi clienti, che come lui vivono vite difficili. La storia inizia con un marocchino che si rivolge a lui per difendersi da un commerciante di auto usate che gli ha affibbiato una carretta che si è rotta dopo pochi minuti dall’acquisto. Un doppio omicidio viene commesso in una rivendita di kebab in cui casualmente era presente proprio Contrera, che si salva grazia ad un improvviso quanto fortunato problema allo stomaco. Il principale indiziato dell’omicidio è un amico di Contrera, un extracomunitario, a cui daranno la caccia sia la polizia che la ronda del quartiere, un gruppo di esaltati convinti di ripulire Barriera da spacciatori e malviventi con la violenza e le armi. Contrera si batterà per dimostrare l’innocenza del suo amico e per trovare il vero responsabile del doppio omicidio. L’ambientazione noir e la situazione di degrado del quartiere hanno come contraltare la vita di Contrera, un personaggio che esplora le varie forme di cialtroneria unita ad una ironia ed una leggerezza senza eguali. L’ambientazione è molto realista, con la faccia peggiore di Torino mostrata con realismo, senza esagerazioni, mostrando tutti i limiti della situazione sociale dei quartieri che un tempo erano popolari ed ora vedono i pochi abitanti autoctoni costretti a convivere con extracomunitari di ogni provenienza. A questo sfacelo sociale si uniscono i disastri combinati da Contrera con la sua ex moglie, con la sua nuova compagna, con sua figlia e sua sorella. Solo la piccola nipote lo adora, unica sua relazione familiare che non sia un disastro. Frascella scrive in modo brillante, fluido, allentando la tensione del racconto con un efficace sarcasmo. Contrera è un grottesco fallito, che si accontenta del pochissimo che ha, che non si aspetta nulla dagli altri, che si accontenta della soddisfazione morale che ricava dalla sua attività di investigatore. Forse è questo che lo rende così irresistibile.

Un pensiero su “L’assassino ci vede benissimo