I valori che contano

images 1

Titolo: I valori che contano

Autore: Diego De Silva

Editore: Einaudi

I valori che contano è un romanzo con un duplice contenuto, divertente e irriverente per la parte che ha a che fare con la professione del protagonista, l’avvocato Vincenzo Malinconico, mentre la parte che riguarda la malattia di Vincenzo diventa triste e profonda. Il personaggio di Vincenzo Melanconico è il prodotto della vivace fantasia e della abilità di scrittore di Diego De Silva, che è riuscito a creare un protagonista che è il trionfo dell’uomo medio, che spende con oculatezza, che si accontenta di quello che ha, con doti umane uniche e con una capacità di vedere le cose con la giusta ironia anche quando potrebbero avere risvolti drammatici. Un uomo che riesce a superare le sue fragilità con una filosofia di vita del tutto personale. La storia ha inizio con una ragazza in slip davanti alla porta di casa di Vincenzo, lui la fa entrare e la nasconde. Di fronte alla polizia nega di aver dato asilo alla ragazza, spergiurando di non averla vista, con la sua scaltrezza di avvocato riesce a liberarsi facilmente della scomoda presenza del poliziotto. Scopre che la ragazza è fuggita ad una retata della buoncostume in una casa d’appuntamenti, proprio sopra il suo appartamento. Inizia l’avventura di Vincenzo Malinconico e del suo socio avvocato, una coppia di persone esilaranti per motivi diametralmente opposti. I due si ritrovano a dover affrontare il sindaco, ossia il padre della ragazza in slip, oltre che tutelare gli interessi della ragazza dai possibili attacchi della stampa e dei social. La vicenda giudiziaria segue il suo corso quando ad un certo punto Vincenzo scopre di avere un tumore ad un testicolo. Inizia quindi la sua convivenza con la malattia, una operazione immediata, l’attesa dell’esito degli esami, le sedute di chemio. Vincenzo è un uomo di cinquant’anni, separato, si vede con una sua ex cliente che ha qualche esitazione ad andare a vivere con lui, ha da poco raggiunto un certo successo professionale grazie al suo nuovo socio. Il nuovo recente benessere non lo ha cambiato, è rimasto la persona semplice, modesta e fragile che è sempre stato, anche se sorretto da un invidiabile spirito di sopravvivenza ed una ironia che lo aiuta di fronte alle grandi sfide della vita. Malinconico affronta la malattia come affronta il suo lavoro, non vuole essere un principe del foro così come non vuole essere un eroe che lotta contro una malattia. La malattia lo pone di fronte alla scoperta dell’importanza delle cose che contano nella vita e di quanto poche esse siano. In genere la scoperta avviene solo quando si è vicini alla morte. Quando forse è troppo tardi.