I ragazzi della Nickel

index

Titolo: I ragazzi della Nickel

Autore: Colson Whitehead

Editore: Mondadori

Traduzione: Silvia Pareschi

Questo libro ha vinto il premio Pulitzer nel 2020. Colson Whitehead aveva già vinto lo stesso premio nel 2017 con il romanzo “La ferrovia sotterranea”.

I ragazzi della Nickel è un libro che parla di razzismo e di diritti negati. Siamo negli anni sessanta. Elwood vive in un paesino a sud di Atlanta, è stato abbandonato dai genitori e vive con la nonna. E’ un bravo ragazzo, gli piace studiare, lavora nel tempo libero per mettere i soldi da parte, vuole andare al college, studia gli insegnamenti di Martin Luther King. Ma il destino gli tende un agguato, senza colpe, solo per sfortuna, si ritrova in un riformatorio. In un lampo tutti i suoi progetti svaniscono, i suoi sogni si interrompono. Anche i sacrifici della nonna per pagare un avvocato per ridargli la libertà saranno inutili. Rimane chiuso nella Nickel, la scuola riformatorio, un luogo senza legge e senza giustizia. Elwood subisce soprusi e violenze di ogni tipo. Impara sulla sua pelle che l’unica possibilità è di non farsi troppo notare, di stare quieto, di aspettare il momento giusto per fuggire. Deve resistere, per ottenere giustizia, per vedere riconosciuti i suoi diritti. Nella Nickel troverà un amico, Turner, insieme sognano la libertà, faranno di tutto per ritrovarla.

“I ragazzi della Nickel” è un libro forte, che picchia duro, che fa male. I sogni di un bravo ragazzo che si infrangono contro il muro del razzismo. Una storia che mostra il lato peggiore dell’America che non è ancora stato cancellato, come dimostrano i fatti delle ultime settimane, in cui razzismo e violenza sono tornati alla ribalta. Alcuni progressi sono stati fatti ma la strada da percorrere è ancora lunga. La storia è una opera di finzione ispirata da fatti realmente accaduti, che rappresentano una delle tante, forse troppe, pagine buie della storia americana. Il libro testimonia violenze ed ingiustizie ma trasmette anche qualcosa di positivo come l’insegnamento di Elwood, ossia che anche nelle condizioni più degradate e terribili, non bisogna mai smettere di sperare e di lottare per una vita migliore.

4 pensieri su “I ragazzi della Nickel

  1. Da come ne hai parlato sembra veramente un libro molto crudo e violento, dove non si fanno troppi giri di parole. Un libro che parla di tematiche purtroppo attuali e che ancora continuano a far parte del nostro mondo. Devo leggerlo assolutamente.