Serie “I Bastardi di Pizzofalcone” di Maurizio De Giovanni

BASTARDI 1BASTARDI 2

Titolo: Serie “I Bastardi di Pizzofalcone”

Autore: Maurizio De Giovanni

Editore: Einaudi

La serie dei libri dedicati ai Bastardi di Pizzofalcone ha inizio con “Il metodo del coccodrillo” seguito in ordine cronologico di uscita da “I bastardi di Pizzofalcone”, “Buio per i Bastardi di Pizzofalcone”, “Gelo per i Bastardi di Pizzofalcone”, “Cuccioli per i Bastardi di Pizzofalcone”, “Pane per i Bastardi di Pizzofalcone”, “Vita quotidiana per i Bastardi di Pizzofalcone”, “Souvenir per i Bastardi di Pizzofalcone”, “Vuoto per i Bastradi di Pizzofalcone”, “Nozze per i Bastardi di Pizzofalcone”. Una serie lunga, tanti libri, stessa ambientazione, stessi personaggi. Ma non ci si annoia leggendoli, tutti i libri sono godibili, belli da leggere, tragici e divertenti nello stesso tempo.

L’ispettore Loiacono è stato trasferito a Napoli, dopo un problema che stava per costargli il posto per una storia di collusione con la mafia. Ne uscì innocente ma bruciato come poliziotto. Dovette divorziare dalla moglie e dalla Sicilia fu trasferito a Napoli, in ufficio, lontano dalle indagini, a fare il passacarte, nessuno si fidava di lui. Nel primo libro, “Il metodo del coccodrillo”, Loiacono ha un colpo di fortuna e riesce ad essere inserito in una squadra che investigava su un caso di omicidi plurimi. Le sue intuizioni furono decisive per la risoluzione del caso. Per farlo tornare operativo, fu trasferito al Commissariato di Pizzofalcone, che era salito alla cronaca per una storia molto grave dato che quattro poliziotti del commissariato facevano sparire la droga dei sequestri e la rivendevano. Una volta scoperti furono processati e condannati. Tali poliziotti furono definiti come ”I bastardi di Pizzofalcone”. Il commissariato era rimasto sguarnito di polizotti e l’organico fu rimpolpato con presunte mezze tacche provenienti da vari commissariati della zona. La nuova squadra di poliziotti mantenne il soprannome di “Bastardi di Pizzofalcone”, in genere poco onorevole ma che rimase come marchio di fabbrica del gruppo. Indagine dopo indagine, il gruppo di reietti si rivelò una squadra vincente, capace di risolvere i casi più difficili, con brillanti intuizioni anche se con metodi poco ortodossi.

Tutti i libri sono avvincenti e divertenti in egual misura. Vanno letti in ordine cronologico per riuscire a cogliere ogni sfumatura ed ogni riferimento a quanto accaduto nei volumi precedenti.

I romanzi raccontano delle indagini più diverse, sempre relative a crimini commessi a Napoli, con vittime appartenenti a ceti sociali diversi, con storie diverse. Napoli sullo sfondo, sia la Napoli ricca e benestante, delle case da sogno, oppure la Napoli dei rioni più poveri e devastati socialmente. Tutti i personaggi, sia i poliziotti che i criminali sono descritti alla perfezione, mostrando sentimenti, paure, difetti e pregi, nel bene e nel male. Nelle storie ha un peso importante la vita quotidiana. Mori che nascono, che finiscono, divorzi, figli che perdono la rotta, depressione, solitudine, difficoltà economiche e sociali. Ma c’è anche la forza del gruppo, il sollievo di lavorare in squadra, la partecipazione alle sofferenze degli altri. Napoli è la scena del crimine ma è anche un posto dove la natura si è divertita a creare alcune delle ambientazioni più belle e spettacolari del mondo abitato dalla popolazione dalle caratteristiche umane uniche e dirompenti, nel benessere come nella miseria. De Giovanni sfrutta tutte le capacità di Napoli di essere bella e terribile, empatica e crudele, con grande abilità, scrivendo sempre in modo brillante e lineare, con grande attenzione agli aspetti psicologici dei personaggi, delle vittime e dei carnefici. Una serie di thriller imperdibile con la migliore squadra di poliziotti che si possa immaginare.

5 pensieri su “Serie “I Bastardi di Pizzofalcone” di Maurizio De Giovanni

Rispondi a robertoiovacchini Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...