Il peso della neve – Christian Guay-Poliquin

images

Titolo: Il peso della neve

Autore: Christian Guay Poliquin

Editore: Marsilio

Traduzione: Francesco Bruno

Un uomo rimane coinvolto in un incidente stradale riportando gravi ferite alle gambe. Dopo alcuni giorni di ospedale viene sistemato in una casa a lui sconosciuta, con le gambe paralizzate. In casa manca la luce, tutta la zona è priva di elettricità per un black-out totale che durerà un tempo indefinito. L’uomo si ritrova ad essere accudito da un vecchio, un certo Matteo, per lui uno sconosciuto, che gli prepara da mangiare, accende il fuoco, gli cambia le bende alle ferite e gli dosa le medicine quotidiane. L’uomo ferito piano piano migliora, comincia a muovere le gambe e poi lentamente ricomincia a camminare. I due sono costretti a vivere nella casa, fuori c’è una spessa coltre di neve, che copre tutto ed impedisce di attuare qualsiasi piano di fuga. Matteo è un tipo di poche parole, ma con il tempo comincia a raccontare qualcosa della sua vita, che ha una moglie malata, che vorrebbe rivedere al più presto, che vorrebbe tornare a casa sua. Anche l’uomo ferito vorrebbe tornare alla sua vita, porre fine a quella convivenza forzata con Matteo, ma fuori c’è la neve che li blocca. Sono entrambi prigionieri dell’inverno del Quebec e prigionieri uno dell’altro.

Un romanzo sul rapporto dell’uomo con la natura ed anche sulla solitudine e sul modo in cui le persone che hanno bisogno di aiuto reagiscono alle difficoltà. Un protagonista di cui non conosciamo l’identità, prigioniero con il suo forzato convivente della neve, che toglie loro ogni speranza. Un romanzo con una ambientazione opprimente, scura, con i protagonisti che vivono una condizione estrema, tra silenzi e solitudine, prigionieri, oltre che della neve, del caso che ha voluto unire i loro destini. Un libro scritto con una prosa elegante e scarna, senza fronzoli, con atmosfere cupe e poco rassicuranti. Il racconto ha una sua dinamicità che cattura il lettore, interessandolo sempre più a scoprire la conclusione della vicenda, come fosse un vero thriller.

2 pensieri su “Il peso della neve – Christian Guay-Poliquin

Rispondi a Paolo Zardi Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...