Scavare – Giovanni Bitetto

images

Titolo: Scavare

Autore: Giovanni Bitetto

Editore: Graffi-Italosvevo Editore

Un famoso filosofo marxista muore. E’ stato un grande intellettuale di livello mondiale. Il suo amico–rivale di una vita, uno scrittore nichilista, gli rende un omaggio postumo la sera del suo funerale, ripercorrendo la storia della loro amicizia in una specie di monologo che lo scrittore recita parlando a sé stesso.

E’ lo stesso scrittore a narrare la storia, dal loro primo incontro, alla nascita della loro amicizia, le gelosie, invidie e rivalità. Il racconto si rivela un dettagliato ed approfondito racconto della personalità dello scrittore. Una amicizia molto particolare, in realtà una sorta di competizione continua, una vita spesa a cercare di affermare la sua superiorità sull’amico filosofo. I due antagonisti condividono gioie e dolori, lutti e affermazioni professionali, senza partecipare emotivamente ai sentimenti dell’altro, semplicemente sono dei testimoni di quanto accade. Lo scrittore fa di tutto per catturare l’attenzione e l’approvazione del suo amico filosofo senza riuscirci, covando con il passare del tempo un rancore crescente e nuovi motivi di scontro. Il libro espone solo il punto di vista del narratore, con la sua rabbia ed avversione nei confronti dell’amico che è per lui la ragione principale per fare quello che sta facendo, per dimostrargli le sue capacità ed in qualche modo la sua superiorità.

Questo libro sorprende per lo stile della scrittura, netto e chiaro, per il modo originale scelto dallo scrittore di parlare di sé ricordando il filosofo che non c’è più, descrivendo alla perfezione i suoi pensieri tormentati, le sue idee sviluppate principalmente per andare contro le idee del suo amico. La rivalità come ragione di vita, come ossessione esistenziale. Un libro senza tempo e senza luogo, dove le cose e le persone non hanno aspetto fisico, colori e forme, contano solo i pensieri. Il tutto raccontato con uno stile bello ed essenziale, dove ogni parola è pesata e studiata, senza ridondanze, con grande precisione ed eleganza. Il volume è piccolo e stampato con carta e stile di altri tempi, per una lettura notevole che ha anche il pregio di un piacere tattile ormai perduto.

Un pensiero su “Scavare – Giovanni Bitetto