Ephemera

9788830452336_0_0_300_75

Titolo: Ephemera

Autore: James Hazel

Editore: Longanesi

L’autore di questo thriller, James Hazel, è un avvocato che ha lasciato la sua attività nel campo legale per dedicarsi alla scrittura. Solo per questo ha guadagnato tutta la mia simpatia, prima ancora di aver letto il libro, per il coraggio che ha avuto nel seguire le sue aspirazioni lasciando la strada che la ragione gli aveva fatto intraprendere.

Ephemera è il suo primo romanzo ed è un esordio con i fuochi d’artificio per gli appassionati del genere thriller. La storia è basata su due piani temporali, il primo nel 1945 nel periodo immediatamente successivo al termine della Seconda Guerra Mondiale ed il secondo ai giorni d’oggi.

Nel 1945 il colonnello dei servizi segreti britannici Alber Ruck riceve l’incarico di interrogare un medico nazista autore di molti esperimenti sui prigionieri dei campi di concentramento di Buchenwald, alla ricerca di un veleno che infliggesse una morte non immediata con sofferenze fortissime. Il medico dopo pochi giorni viene ucciso e le indagini si fermano subito. Ma il colonnello Ruck prosegue le sue attività che avranno una importanza fondamentale nella costruzione della storia.

Ai giorni d’oggi, l’avvocato Charlie Priest viene aggredito in casa da un uomo alla ricerca di una chiavetta USB. Priest riesce a liberarsi dell’aggressore che fugge dalla casa senza aver rubato nulla. L’aggressore viene trovato ucciso in modo terribile subito l’aggressione a Priest. Le modalità della morte lasciano pensare ad un rituale iniziatico. L’aggressore si chiama Mils Ellinder, un tossicodipendente appartenente ad una ricchissima famiglia che controlla una delle principali case farmaceutiche inglesi. Priest viene subito sospettato di essere coinvolto nell’omicidio di Ellinder e per dimostrare la sua innocenza inizia la sua personale indagine che lo porterà sulle tracce di una  misteriosa setta segreta.

Ha inizio una avventura mozzafiato raccontata con maestria e ritmo. Il racconto, con l’intreccio tra passato e presente, dosato con grande tempismo, è sempre molto coinvolgente con personaggi ben delineati e credibili. Il tema dell’olocausto, ben presente nella storia, è trattato con misura ed equilibrio. L’avventura nel presente ha qualche tratto horror necessario per meglio rappresentare l’aberrazione umana che è alla base della storia. Personaggi, relazioni all’interno delle loro famiglie, luoghi ed azioni sono resi molto bene dall’autore che ha inventato una trama originale, basata su fatti storici realistici, descritti con grande abilità, così come gli intrecci sentimentali dei protagonisti, sia della storia passata che di quella ambientata nel presente.

Ephemera è senza dubbio uno dei migliori thriller che ho letto negli ultimi tempi. Alla fine del libro resta il compiacimento per aver vissuto una avventura fantastica con un pizzico di dispiacere per aver terminato la lettura. Ma una nota dell’autore dice chiaramente che sta lavorando alle prossime avventure dell’avvocato Priest. Non resta che attendere con impazienza l’uscita dei nuovi libri.

5 pensieri su “Ephemera

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...